BiblioTu il catalogo online delle Biblioteche di Roma, richiesta prestiti, libri, ebook, video, wifi. Novità, letture, eventi in biblioteca.

BiblioTu per i Bambini

Per i piccoli fino a 6 anni e bambini fino a 10 anni
In biblioteca troverai uno spazio con un tappeto morbido, seggioline e tanti libri colorati da guardare o da ascoltare durante le letture ad alta voce.
Iscrivere i bimbi alle Biblioteche di Roma fin da piccolissimi così potranno scegliere tra primi libri, storie illustrate, filastrocche, poesie, favole. Partecipare alle attività organizzate dalle biblioteche e incontrarsi con altri bambini.

BiblioTu per i Ragazzi

Per i ragazzi da 11 a 14 anni
Entra in una delle Biblioteche di Roma, troverai i tuoi libri preferiti, potrai farti consigliare dai bibliotecari.
Partecipa alle attività fatte apposta per te: a tua disposizione tanti corsi, laboratori, incontri e letture. Vieni in biblioteca insieme ai tuoi genitori, insegnanti, nonni e amici. In biblioteca puoi studiare e fare i compiti,connetterti a internet tramite Wi-Fi per navigare e fare le tue ricerche.

Mi racconti una storia?
dal 9 ottobre 2018
Biblioteca Ennio Flaiano
Nati per Leggere torna in biblioteca anche nel 2019!

A partire da martedì 15 gennaio, tutti i martedì alle 17.00...
Mi racconti una storia?

Massimo 8 partecipanti da 3 a 6 anni, come al solito: prenotatevi allo 0645460431 o direttamente in biblioteca (via Monte Ruggero 39)!

Importante: per partecipare alle nostre attività è necessario che il bambino / la bambina siano iscritti alle Biblioteche di Roma => potete farlo anche online, qui, o venendo a trovarci... a presto!

Le letture NpL avranno luogo tutti i martedì, a meno che non siano previste altre attività rivolte a bambini o ad adulti... quindi verificate sempre chiedendo in biblioteca!

Community dei lettori

Vai ai commenti dei lettori

Sentimi : cento voci, una storia : romanzo
Ranno, Tea
15/06/2019
Racconto di tanti racconti
Un libro ambientato in quell’isola infuocata di Sicilia in cui tante anime di donne in coro reclamano di essere ascoltate. "Sentimi" appunto è l'accorata supplica che ciascuna rivolge ad una scrittrice che sarà spinta a raccogliere le loro testimonianze di sofferenza perché trovino pace, finalmente, in quella dimensione in cui una violenza cieca le ha confinate per sempre. “Sentimi, tu che tieni la penna in mano e ragioni scrivendo sopra la vita e la morte…”(cit.) Un romanzo in stile noir che dà voce alle donne. La donna è rappresentata come il facile bersaglio di sentimenti di insoddisfazione, gelosia, inadeguatezza: figura sopraffatta dal potere non sempre esclusivamente maschile. Le vittime del romanzo appartengono a tutte le epoche, a tutte le età, a tutte le categorie sociali. Un’invocazione di giustizia è in fondo il loro lamento non solo per loro stesse ma anche per salvare Adele, figlia di Rosa, dalla furia del marito di quest’ultima, a cui Adele ricorda di continuo il tradimento della moglie. E’ come se tutte le forze, umane e non, si coalizzassero attorno ad Adele perché possa sfuggire ad una legge primitiva e spietata. Il tema che il libro affronta è di drammatica attualità: la violenza sulle donne in tutte le sue forme. Questo ne fa un romanzo di denuncia che affronta il problema come aspetto di una cultura misogina riscontrabile, paradossalmente, anche in ambiti femminili. A volte, nel romanzo, sono le donne stesse ad essere nemiche delle altre donne, per sottolineare quanto profondamente radicato sia il preconcetto da resistere, perfino, di fronte all’uguaglianza di genere. La numerosità di personaggi femminili che appaiono nel libro, uno collegato all’altro, contribuisce a dare spessore ad un fenomeno troppo diffuso, troppo poco combattuto. La scrittura, che trae forza dal dialetto, riporta alle storie di Sicilia dal sapore antico, alle case di pietra, alla terra arsa, ai fichi d’India, ed insieme al gusto salato del mare vi è quello delle lacrime di molte donne. I racconti di ciascuna di loro sono sintesi intense, spaccati di vita di epoche lontane, realtà ancora attuali. La narrazione cattura il lettore da subito finché proprio la prolificità delle storie personali ne rallenta il ritmo rendendo difficile mantenere alta l’attenzione. Questo è l’unica critica per quest’opera dal valore sociale in cui si può cogliere l’invito dell’autrice alla partecipazione solidale come comunità, alla stessa maniera in cui le donne del libro, nel dolore e nella sconfitta, si sono rese sorelle l’una dell’altra.

Scarica l'APP delle Biblioteche

Con BiblioTu le tue biblioteche sono sempre con te (a casa, per strada, in ufficio, …), aperte h24, propositive e coinvolgenti.
Il tutto comodamente dal tuo smartphone.

Installa BiblioTu sul tuo smartphone e prova la lettura degli ebook …. è semplice!