biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

La morte è cieca

Slaughter, Karin

Sonzogno - 2002

Valuta questo titolo
Sara Linton, coroner e pediatra di una piccola cittadina della Georgia, sta pranzando con la sorella quando nella toilette del ristorante trova, agonizzante, Sybil Adams, insegnante nella locale università e cieca in seguito a un incidente. La donna, che spira tra le braccia di Sara, è stata drogata e violentata prima di essere accoltellata; sull'addome inoltre l'assassino le ha inciso un taglio a forma di croce. Quando, poco dopo, una seconda vittima viene trovata crocifissa, Sara e Jeffrey Tolliver, suo ex marito e capo della polizia della contea, si rendono conto di avere a che fare con un serial killer che in più è un sadico violentatore.
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
  • Chi ha letto questo ha letto anche...
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • Dario Tramacere

    23/05/2020
      

    E questo è stato solo l’inizio…

    Spesso l’esordio di una scrittrice (o scrittore), specialmente se dotata di talento, è accompagnata da critiche sin troppo entusiastiche (ed interessate) da parte di colleghi bendisposti e testate giornalistiche «orientate». Per l’esordio di Karin Slaughter non è stato necessario alcuno sforzo: a distanza di circa diciotto anni dalla prima edizione, questo romanzo conserva intatto il proprio fascino e costituisce il biglietto da visita con cui questa (ormai affermata) scrittrice si presentò al pubblico. Meritatissimi i complimenti ricevuti, fra cui voglio citare quello, presente in copertina, di Val McDermid: “La sua prosa è matura, la suspense tesissima, il coinvolgimento del lettore assoluto”. Il linguaggio asciutto e duro (anche e soprattutto nel descrivere le circostanze più «forti») ma assolutamente scorrevole si associa ottimamente alla capacità di donare notevole spessore a tutti i personaggi, a cominciare dai principali protagonisti (Sara Linton in primis). Ottima anche la capacità di calare il lettore, senza la necessità di ridondanti riferimenti, nel contesto sociale e culturale di uno stato del sudest statunitense ancora pregno di pregiudizi difficili da estirpare.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato