biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Mancarsi

De Silva, Diego

Einaudi - 2012

Valuta questo titolo
Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lì si cela l'assoluto. Cosi De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. Irene vuole essere felice, e quando il suo matrimonio inizia a zoppicare se ne va. Nicola è solo, confusamente addolorato dalla morte di una donna che aveva smesso di amare da tempo. Anche lui, come Irene, è mosso da un'assoluta urgenza di felicità. Anche lui vuole un amore e sa esattamente come vuole che sia fatto [...]
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • 1 / 1 utenti hanno trovato utile questo commento

    Silvia Lucidi

    19/04/2021
      

    L'amore ristretto

    Un racconto lungo o romanzo breve, in cui De Silva, nel suo inconfondibile stile ironico e a volte spietato, ma con un sottofondo di leggerezza che lo contraddistingue, narra il vissuto di due coppie che in un modo e nell'altro condensano in sé tutte le coppie del mondo. Le loro vite sono attraversate da accadimenti più o meno traumatici, ma anche da silenzi e turbamenti profondi che portano i personaggi a prendere strade diverse, in questa o nell'altra dimensione. Il tutto senza scadere in considerazioni retoriche, pur conservando intatto tutto il dramma delle vicende umane, il detto-non detto, i conflitti inespressi e quelli che prendono corpo, la liberazione da vincoli soffocanti quanto insensati. E, sullo sfondo, il bistrot dove gli avvenimenti si dipanano e si svolgono, spesso a prescindere dalla volontà delle persone coinvolte, proprio come avviene nella vita reale. Il mancarsi è il non trovarsi (più) ma anche sentire la mancanza di amore, tenerezza, complicità e finalmente felicità., di qualcuno che forse non c'è mai stato.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato