biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Menu

Sostiene Pereira : una testimonianza

Tabucchi, Antonio

Feltrinelli Editore - 1996

Valuta questo titolo
Tabucchi è convinto che è arrivato il tempo in cui dobbiamo chiedere anche alla letteratura di dire la verità: non la verità metafisica e del cuore, ma proprio la verità degli uomini, quella della loro condizione storica, dei pericoli che stanno correndo, degli assassini di cui sono autori e vittime (Angelo Guglielmi)
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
Se vuoi inserire un commento a questo documento o indicare con un voto da 1 a 5 la tua preferenza inserisci il tuo codice utente e la tua password dal pulsante Accedi in alto a destra.
Non sei ancora un nostro iscritto? REGISTRATI ON-LINE!!
  • 1 / 1 utenti hanno trovato utile questo commento
    25/03/2020
      

    Sostiene Pereira

    Pereira grasso, indolente, indifferente alla realtà che lo circonda, dedito solo alla letteratura francese, al ritratto della moglie morta e alle limonate. Intorno c’è Lisbona, l’agosto torrido del 1938, la luce del Tago che fa scintillare la città. E poi… “C’è un uomo grasso e attempato che balla con una giovane ragazza in una piazzetta qualsiasi dell’universo, pensò, e intanto gli astri girano, l’universo è in movimento, e forse qualcuno ci guarda da un osservatorio infinito”. Pagina 29, letta prima del sonno, quella notte ho sognato Pereira e ho ballato anche io con lui, e poi al risveglio ho continuato a leggere, ho fatto il tifo per lui, perché si svegliasse, si tirasse fuori dal torpore e decidesse, all’improvviso e con le mani sporche di sangue, di fare la cosa giusta, far sentire la sua voce, e poi partire per un altro mondo, con il ritratto della moglie morta in valigia, rivolto all’insù perché respirasse bene. Ho amato Pereira, di più: Pereira, c’est moi.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato
  • 4 / 4 utenti hanno trovato utile questo commento
    13/10/2018
      

    Un antitodo contro ogni totalitarismo

    Un libro di grande impegno civile. Rappresenta un antitodo contro ogni totalitarismo. Un elogio della mitezza, ma al tempo stesso della grande forza della resistenza non violenta. La cultura, l'intelligenza, l'ironia, come arma contro ogni bruta sopraffazione. La trasposizione cinematografica ci ha regalato una delle ultime interpretazioni dell'immenso Marcello Mastroianni, nel ruolo del protagonista.
    Hai trovato utile questo commento? SI NO   |   Segnala come inappropriato